A Enna germoglia il teatro con il progetto Demetriadi

Presentato in occasione de Le Vie dei Tesori coinvolgerà scuole, giovani e professionisti

 

Tutto parte dal Mito e tutto torna al Mito. Attinge alle radici più profonde dell’identità di Enna e degli ennesi il nuovo progetto “Le Demetriadi Fest – Le Dee – le Madri – la Terra”, presentato nel corso del festival Le Vie dei Tesori dalla Compagnia dell’Arpa e dagli assessori comunali Giuseppe La Porta e Walter Cardaci. Il debutto ennese dello spettacolo “Eurydice”, il nuovo testo di Elisa Di Dio e Filippa Ilardo, portato in scena domenica 17 settembre nel piazzale del Museo del Mito da Elisa Di Dio, Davide Campisi e Adriana Lunardo, per la regia di Filippa Ilardo, è stato di fatto il “primo seme” di un nuovo coraggioso progetto che si prepara germogliare a Enna, attingendo a piene mani al Mito di Demetra e Kore. Il progetto Demetriadi, ideato dalla Compagnia dell’Arpa, punta alla riscoperta del Mito come tematica teatrale, artistica, socio-culturale, letteraria e spirituale che attinge al ciclo delle stagioni, il tema del grano, i riti della fertilità, la dimensione religiosa che da sempre caratterizza il linguaggio e i gesti del popolo ennese. “Un primo seme è stato piantato su questa terra di Demetra – annunciano all’unisono le drammaturghe Elisa Dio Dio e Filippa Ilardo – noi lo abbiamo fatto con un dittico di spettacoli, Persefone ed Eurydice, che attingono di fatto al mondo dell’ombra e al ciclo morte-vita. Vogliamo continuare approfondendo i misteri eleusini, mettendo a disposizione della comunità ennese tutta la nostra professionalità e la nostra tradizione teatrale. E vogliamo farlo con i giovani, gli uomini e le donne di questa terra”.

PROGETTO

Demetriadi Fest – Le Dee – le Madri – la Terra si propone come appuntamento annuale che coinvolge l’intera città di Enna.

Coinvolge le scuole, nel corso dell’anno scolastico, con laboratori teatrali per bambini e ragazzi e con riflessioni attive e drammatizzate sul Mito. Coinvolge gruppi di appassionati di tutte le età, con laboratori territoriali permanenti che sfociano in spettacoli. E accanto alle performance, c’è spazio per convegni, seminari e residenze artistiche, con collaborazioni di esponenti di prestigiose realtà teatrali regionali e nazionali, referenti del mondo accademico e associazioni.

L’obiettivo di fondo è quello di rafforzare l’identità della comunità ennese e di attingere alle radici del Mito e delle ritualità legati a Demetra e Kore, realizzando non singoli eventi, ma un continuum di appuntamenti.

Il programma e le date, ancora in divenire, prevedono un ciclo continuo di laboratori e incontri culturali e artistici preparativi (in autunno e in inverno) e performace aperte al pubblico (in primavera ed estate).

Palcoscenico delle Demetriadi è l’intera città, tempio vivente del Mito. I riflettori saranno puntati maggiormente sui luoghi-simbolo meno esplorati dal pubblico, come la Rocca di Cerere, la Via Sacra, il lago di Pergusa e l’area di Cozzo Matrice.

 

I gi



A Enna germoglia il teatro con il progetto Demetriadi

Presentato in occasione de Le Vie dei Tesori dalla Compagnia dell’Arpa e dagli assessori comunali Giuseppe La Porta e Walter Cardaci il “primo seme” del festival che coinvolgerà scuole, giovani e professionisti.

Incontri, residenze artistiche, percorsi di formazione e spettacoli che avranno per scenario la Via Sacra, la Rocca di Cerere e Cozzo Matrice

 

Enna, 22 settembre 2023

 

Tutto parte dal Mito e tutto torna al Mito. Attinge alle radici più profonde dell’identità di Enna e degli ennesi il nuovo progetto “Le Demetriadi Fest – Le Dee – le Madri – la Terra”presentato nel corso del festival Le Vie dei Tesori dalla Compagnia dell’Arpa e dagli assessori comunali Giuseppe La Porta e Walter Cardaci.

Il debutto ennese dello spettacolo “Eurydice”, il nuovo testo di Elisa Di Dio e Filippa Ilardo, portato in scena domenica 17 settembre nel piazzale del Museo del Mito da Elisa Di Dio, Davide Campisi e Adriana Lunardo, per la regia di Filippa Ilardo, è stato di fatto il “primo seme” di un nuovo coraggioso progetto che si prepara germogliare a Enna, attingendo a piene mani al Mito di Demetra e Kore. A presenziare alla serata, alla quale il pubblico ha risposto numeroso superando le aspettative degli organizzatori, il referente del festival Le Vie dei Tesori Antonio Messina, il vicesindaco Ornella Romano e gli assessori comunali Walter Cardaci, Francesco Di Venti e Giuseppe La Porta.

Il progetto Demetriadi, ideato dalla Compagnia dell’Arpa, era stato proposto nei mesi scorsi all’assessorato alla cultura del comune di Enna. Accolto con entusiasmo prima dall’assessore Rosalinda Campanile e successivamente dall’attuale assessore Giuseppe La Porta, punta alla riscoperta del Mito come tematica teatrale, artistica, socio-culturale, letteraria e spirituale che attinge al ciclo delle stagioni, il tema del grano, i riti della fertilità, la dimensione religiosa che da sempre caratterizza il linguaggio e i gesti del popolo ennese.

"La mia amministrazione ha, da tempo, individuato la strada della valorizzazione delle nostre radici culturali - dichiara il sindaco Maurizio Dipietro - come una delle chiavi di volta nel percorso di crescita della nostra realtà territoriale, soprattutto in termini di offerta turistica e culturale".

L’obiettivo è coinvolgere la città in maniera integrale – spiega l’assessore La Porta, con delega alle attività culturali e all’istruzione – partendo dai luoghi del Mito, pietre, strade, paesaggi che raccontano storie antiche e che devono tornare a essere scenario di drammi, danze, canti e musica. Mi riferisco, per esempio, alla Rocca di Cerere, alla Via Sacra, all’area di Cozzo Matrice. E si deve necessariamente partire dalle scuole e dai nostri ragazzi – aggiunge – alla riscoperta di un’identità che parte da quel Cori Cori ripetuto dalle nostre nonne e mamme ai loro figli e nipoti”.

“Un progetto di grande valore culturale e sociale – sottolinea Cardaci, assessore ai beni monumentali, al turismo e allo spettacolo – che richiede l’impegno non solo dell’intera amministrazione, ma anche del nostro valido Ufficio eventi. Noi puntiamo tutto sui talenti degli artisti locali, perché nessuno si senta escluso e affinché si faccia rete mettendo da parte rivalità e diffidenze”.

“Un primo seme è stato piantato su questa terra di Demetra – annunciano all’unisono le drammaturghe Elisa Dio Dio e Filippa Ilardo – noi lo abbiamo fatto con un dittico di spettacoli, Persefone ed Eurydice, che attingono di fatto al mondo dell’ombra e al ciclo morte-vita. Vogliamo continuare approfondendo i misteri eleusini, mettendo a disposizione della comunità ennese tutta la nostra professionalità e la nostra tradizione teatrale. E vogliamo farlo con i giovani, gli uomini e le donne di questa terra”.

IL PROGETTO

Demetriadi Fest – Le Dee – le Madri – la Terra si propone come appuntamento annuale che coinvolge l’intera città di Enna.

Coinvolge le scuole, nel corso dell’anno scolastico, con laboratori teatrali per bambini e ragazzi e con riflessioni attive e drammatizzate sul Mito. Coinvolge gruppi di appassionati di tutte le età, con laboratori territoriali permanenti che sfociano in spettacoli. E accanto alle performance, c’è spazio per convegni, seminari e residenze artistiche, con collaborazioni di esponenti di prestigiose realtà teatrali regionali e nazionali, referenti del mondo accademico associazioni.

L’obiettivo di fondo è quello di rafforzare l’identità della comunità ennese e di attingere alle radici del Mito e delle ritualità legati a Demetra e Kore, realizzando non singoli eventi, ma un continuum di appuntamenti.

Il programma e le date, ancora in divenire, prevedono un ciclo continuo di laboratori e incontri culturali e artistici preparativi (in autunno e in inverno) e performace aperte al pubblico (in primavera ed estate).

Palcoscenico delle Demetriadi è l’intera città, tempio vivente del Mito. I riflettori saranno puntati maggiormente sui luoghi-simbolo meno esplorati dal pubblico, come la Rocca di Cer

A Enna germoglia il teatro con il progetto Demetriadi

Presentato in occasione de Le Vie dei Tesori dalla Compagnia dell’Arpa e dagli assessori comunali Giuseppe La Porta e Walter Cardaci il “primo seme” del festival che coinvolgerà scuole, giovani e professionisti.

Incontri, residenze artistiche, percorsi di formazione e spettacoli che avranno per scenario la Via Sacra, la Rocca di Cerere e Cozzo Matrice

 

Enna, 22 settembre 2023

 

Tutto parte dal Mito e tutto torna al Mito. Attinge alle radici più profonde dell’identità di Enna e degli ennesi il nuovo progetto “Le Demetriadi Fest – Le Dee – le Madri – la Terra”presentato nel corso del festival Le Vie dei Tesori dalla Compagnia dell’Arpa e dagli assessori comunali Giuseppe La Porta e Walter Cardaci.

Il debutto ennese dello spettacolo “Eurydice”, il nuovo testo di Elisa Di Dio e Filippa Ilardo, portato in scena domenica 17 settembre nel piazzale del Museo del Mito da Elisa Di Dio, Davide Campisi e Adriana Lunardo, per la regia di Filippa Ilardo, è stato di fatto il “primo seme” di un nuovo coraggioso progetto che si prepara germogliare a Enna, attingendo a piene mani al Mito di Demetra e Kore. A presenziare alla serata, alla quale il pubblico ha risposto numeroso superando le aspettative degli organizzatori, il referente del festival Le Vie dei Tesori Antonio Messina, il vicesindaco Ornella Romano e gli assessori comunali Walter Cardaci, Francesco Di Venti e Giuseppe La Porta.

Il progetto Demetriadi, ideato dalla Compagnia dell’Arpa, era stato proposto nei mesi scorsi all’assessorato alla cultura del comune di Enna. Accolto con entusiasmo prima dall’assessore Rosalinda Campanile e successivamente dall’attuale assessore Giuseppe La Porta, punta alla riscoperta del Mito come tematica teatrale, artistica, socio-culturale, letteraria e spirituale che attinge al ciclo delle stagioni, il tema del grano, i riti della fertilità, la dimensione religiosa che da sempre caratterizza il linguaggio e i gesti del popolo ennese.

"La mia amministrazione ha, da tempo, individuato la strada della valorizzazione delle nostre radici culturali - dichiara il sindaco Maurizio Dipietro - come una delle chiavi di volta nel percorso di crescita della nostra realtà territoriale, soprattutto in termini di offerta turistica e culturale".

L’obiettivo è coinvolgere la città in maniera integrale – spiega l’assessore La Porta, con delega alle attività culturali e all’istruzione – partendo dai luoghi del Mito, pietre, strade, paesaggi che raccontano storie antiche e che devono tornare a essere scenario di drammi, danze, canti e musica. Mi riferisco, per esempio, alla Rocca di Cerere, alla Via Sacra, all’area di Cozzo Matrice. E si deve necessariamente partire dalle scuole e dai nostri ragazzi – aggiunge – alla riscoperta di un’identità che parte da quel Cori Cori ripetuto dalle nostre nonne e mamme ai loro figli e nipoti”.

“Un progetto di grande valore culturale e sociale – sottolinea Cardaci, assessore ai beni monumentali, al turismo e allo spettacolo – che richiede l’impegno non solo dell’intera amministrazione, ma anche del nostro valido Ufficio eventi. Noi puntiamo tutto sui talenti degli artisti locali, perché nessuno si senta escluso e affinché si faccia rete mettendo da parte rivalità e diffidenze”.

“Un primo seme è stato piantato su questa terra di Demetra – annunciano all’unisono le drammaturghe Elisa Dio Dio e Filippa Ilardo – noi lo abbiamo fatto con un dittico di spettacoli, Persefone ed Eurydice, che attingono di fatto al mondo dell’ombra e al ciclo morte-vita. Vogliamo continuare approfondendo i misteri eleusini, mettendo a disposizione della comunità ennese tutta la nostra professionalità e la nostra tradizione teatrale. E vogliamo farlo con i giovani, gli uomini e le donne di questa terra”.

IL PROGETTO

Demetriadi Fest – Le Dee – le Madri – la Terra si propone come appuntamento annuale che coinvolge l’intera città di Enna.

Coinvolge le scuole, nel corso dell’anno scolastico, con laboratori teatrali per bambini e ragazzi e con riflessioni attive e drammatizzate sul Mito. Coinvolge gruppi di appassionati di tutte le età, con laboratori territoriali permanenti che sfociano in spettacoli. E accanto alle performance, c’è spazio per convegni, seminari e residenze artistiche, con collaborazioni di esponenti di prestigiose realtà teatrali regionali e nazionali, referenti del mondo accademico associazioni.

L’obiettivo di fondo è quello di rafforzare l’identità della comunità ennese e di attingere alle radici del Mito e delle ritualità legati a Demetra e Kore, realizzando non singoli eventi, ma un continuum di appuntamenti.

Il programma e le date, ancora in divenire, prevedono un ciclo continuo di laboratori e incontri culturali e artistici preparativi (in autunno e in inverno) e performace aperte al pubblico (in primavera ed estate).

Palcoscenico delle Demetriadi è l’intera città, tempio vivente del Mito. I riflettori saranno puntati maggiormente sui luoghi-simbolo meno esplorati dal pubblico, come la Rocca di Cer

Print
Commenti

Theme picker


Ultime notizie

«luglio 2024»
lunmarmergiovensabdom
24252627282930
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930311234

Archivio

Seguici su YouTube

Seguici su Facebook