giovedì 5 gennaio 2006

Assistenza ai disabili uditivi che frequentano le scuole di ogni ordine e grado del territorio ennese

Tra i compiti istituzionali dell’ente Provincia rientra quello di assicurare i servizi essenziali alle fasce più deboli. A questo proposito, l’assessorato provinciale alle Politiche sociali, con in testa l’assessore Maurizio Campisi, ha previsto la presenza di operatori destinati ai non udenti che frequentano le scuole del territorio ennese di ogni ordine e grado. “Il servizio -spiega Campisi- che mira a venire incontro a specifiche richieste di giovani disabili uditivi, si avvale di un operatore tecnico sia durante le ore scolastiche sia a domicilio. In quest’ultimo caso viene favorita la permanenza dei fruitori del servizio proprio negli ambienti familiari. “Abbiamo attivato il servizio, già operativo nell’anno scolastico 2000/2001 -sottolinea Campisi- per proseguire una politica a vantaggio dell’integrazione sociale e scolastica delle persone con handicap uditivo.” Compito dell’ufficio competente è stato quello di valutare l’opportunità o meno di autorizzare le attività anche presso il domicilio degli interessati. ”Pertanto, è stata verificata ogni singola istanza e sono stati contattati i genitori degli studenti, in modo da verificare se fossero presenti tutti i requisiti affinché l’Ente potesse disporre l’erogazione, nell’ambito della convenzione stipulata con la sezione provinciale dell’Ente sordomuti, i cui beneficiari, da una ricognizione del territorio, sono in tutto 12 unità. L’accordo prevede la gestione ed il coordinamento del servizio con l’Ente sordomuti che vanta un’esperienza ormai consolidata nel tempo in materia di prestazioni a questa fascia di portatori di handicap. Il servizio, interamente finanziato dalla Provincia, è stato attivato il 19 Dicembre 2005.

L’Ufficio Stampa
Print
Commenti

Theme picker


Ultime notizie

«luglio 2024»
lunmarmergiovensabdom
24252627282930
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930311234

Archivio

Seguici su YouTube

Seguici su Facebook