lunedì 30 agosto 2004

Strada di accesso a Morgantina: riprende il normale traffico veicolare

Non è stata prevista la cerimonia ufficiale di consegna dei lavori, ma la strada di accesso al sito archeologico è aperta regolarmente al transito dal 25 agosto scorso, giorno in cui il presidente della Provincia, Cataldo Salerno, ha firmato l’ordinanza di riapertura. Il presidente della Provincia, Cataldo Salerno, difatti, ha autorizzato l’accesso per consentire, in tempo reale, il ripristino della viabilità e, di conseguenza, per garantire l’immediato accesso al sito archeologico. L’opera, a cura della ditta aggiudicataria, la Edilgenualdi e c. ha avuto un costo complessivo di circa 5 milioni di Euro. I lavori (consegnati il 21 giugno 2001) riguardano la sistemazione della strada con la pavimentazione in pietra, la realizzazione di muretti in pietra, la installazione di una serie di arredi urbani. A fare da cornice al paesaggio, una vegetazione, progettata ad hoc, con piantumazione di macchie mediterranee. Inoltre un adeguato impianto di illuminazione crea un’atmosfera di grande suggestione. Il sito in cui vennero ad installarsi i Morgeti, ha oltre 2 mila e 500 anni di vita, ma poco più di 50 di notorietà. I primi scavi hanno riportato alla luce i resti di un vero e proprio villaggio, colonizzato dai Greci, con al centro la famosa “agorà”, destinata, fino ad alcuni anni addietro, ad anfiteatro per manifestazioni di prosa classica. Con la nuova strada, l’amministrazione provinciale punta a valorizzare al meglio questa risorsa archeologia, strettamente connessa all'identità culturale del territorio. La politica del presidente Salerno, difatti, mira a rafforzare l'idea che le potenzialità del luogo possono rappresentare “uno dei pilastri del turismo, con finalità, tra l’altro, di studio e di approfondimento.”

IL CAPO UFFICIO STAMPA
Print
Commenti

Theme picker


Ultime notizie

«giugno 2024»
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
1234567

Archivio

Seguici su YouTube

Seguici su Facebook