Morti sul lavoro. Sciopero di due ore di tutti i metalmeccanici della Sicilia

La media di tre morti al giorno sul lavoro è insostenibile. Occorrono nuove azioni per la sicurezza dei posti di lavoro

Oggi i metalmeccanici in tutta la Sicilia incrociano le braccia contro le morti sul lavoro. Lo sciopero regionale è stato organizzato dalla Fiom Cgil e da Uilm. La protesta prevede l'astensione dal lavoro nelle due ultime ore del turno in tutte le aziende di Palermo, Ragusa, Messina, Catania, Trapani e Caltanissetta. Nel settore del petrolchimico di Siracusa, lo stop sarà nelle prime due ore di turno, accompagnato da un'assemblea dei lavoratori.

L'azione di sciopero coinvolgerà diverse aziende, tra cui Fincantieri, Sirti, Leonardo (Palermo), Stmicroelectronics (Catania), le acciaierie e i Cantieri Navali a Messina, e l'indotto del petrolchimico di Gela. I segretari generali di Fiom Cgil Sicilia e Uilm, Francesco Foti e Vincenzo Comella, affermano che l'obiettivo è inviare un chiaro segnale alle imprese e al governo nazionale. Sottolineano che la media di tre morti al giorno sul lavoro è insostenibile e chiedono pene più severe per gli imprenditori che non rispettano le normative sulla sicurezza. Tra le richieste anche un maggiore controllo, attualmente inesistente in Sicilia, il potenziamento del ruolo dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (Rls), la modifica della normativa sugli appalti e subappalti, e un confronto generale sulla piattaforma unitaria che comprende misure e iniziative per migliorare la sicurezza nei luoghi di lavoro

Print
Commenti

Categorie: I Comuni, EnnaNumero di visite: 237

Tags: Fiom Cgil Uilm metalmeccanici

Theme picker


Ultime notizie

«aprile 2024»
lunmarmergiovensabdom
25262728293031
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293012345

Archivio

Seguici su YouTube

Seguici su Facebook