Bosoletti porta la Natività di Caravaggio su sette piani nel cuore dello Sperone di Palermo

L’opera sarà realizzata dall’artista argentino grazie alla partnership tra l’Associazione Amici dei Musei Siciliani, Sperone167, e l’Accademia di Belle Arti di Palermo

 Sarà l’artista argentino Francisco Bosoletti, celebre per le sue opere “al negativo”, a realizzare la prossima Natività all’interno della XIV edizione del progetto Next, ideato dall’Associazione Amici dei Musei Siciliani nel tentativo di esorcizzare attraverso l’arte il clamoroso furto del capolavoro di Caravaggio dall’oratorio di S.Lorenzo, uno degli eventi più drammatici della storia del nostro patrimonio culturale, una ferita ancora aperta, che attende con speranza un possibile risanamento. Per la prima volta l’opera sarà realizzata e presentata al di fuori degli spazi dell’oratorio all’interno del Parco di Arte Urbana nel quartiere Sperone di Palermo grazie all’alleanza creativa tra l’Associazione Amici dei Musei Siciliani, Sperone167 e l’Accademia di Belle Arti di Palermo, che quest’anno celebra il 240° anniversario della sua fondazione; il giorno di  Natale verrà scritto un nuovo capitolo di resistenza artistica mentre l’inedito palcoscenico dello Sperone si arricchirà di una nuova opera che denuncia la negazione dei diritti, contribuendo a una narrazione differente del territorio attraverso l’arte, nutrimento estetico per i sensi e l’anima, ma anche strumento che accende le coscienze, generando una rivoluzione gentile. L’intervento inizierà l’11 dicembre 2023 e l’opera sarà presentata alla città il 25 dicembre alle 11, con una performance dell’attore e cantastorie Salvo Piparo, che narrerà un cunto tratto da “Il Furto del Caravaggio”. Il murale che sarà realizzato dall’artista sudamericano in Viale Giuseppe Di Vittorio sarà il decimo nel quartiere dopo gli interventi di Chekos Art, Igor Scalisi Palminteri, Medianeras, Millo, Nino Carlotta, Rosk. “Siamo felici di esportare l’iniziativa Next, che nasce con l’intento di superare l’assenza del capolavoro di Caravaggio attraverso la presenza di nuova arte, all’interno del quartiere dello Sperone che già da diversi anni ha intrapreso un percorso di emancipazione sociale e culturale attraverso l’arte” dichiara Bernardo Tortorici di Raffadali. “Il furto della Natività non colpisce soltanto l’oratorio, è una ferita della città e soltanto attraverso un profondo lavoro di rieducazione della coscienza collettiva potremo pensare a un futuro pieno di speranza. Ringrazio l’Alleanza Creativa di Sperone 167 per aver accolto con grande entusiasmo un progetto che avrà l’occasione di raccontarsi sul territorio in un modo più incisivo attraverso le varie iniziative collaterali programmate e per averci dato la possibilità di arricchire la nostra iniziativa di una fondamentale dimensione sociale necessaria per la crescita di una comunità”. “Ogni Natività di NEXT si disvela per Natale come un'affermazione rivoluzionaria, ancorata al passato ma interamente proiettata nella contingenza del contemporaneo. In questa edizione, il connubio tra il cuore storico e la periferia, tra l'arte classica e il neo-muralismo, si traduce in un oggettivo atto di salvezza” afferma l’Alleanza Creativa Sperone167. “L'arte dimostra la sua capacità di rinascita anche nei momenti più oscuri, stabilendo un legame profondo tra il centro e la periferia, tra la negazione artistica e i diritti negati nei luoghi vulnerabili delle città. Il diritto all'infanzia, al paesaggio, alla bellezza e al sogno non dovrebbero essere negati, ma piuttosto garantiti come certezze per coloro che abitano territori trascurati dalle istituzioni, come lo Sperone di Palermo.” “L’Accademia di Belle Arti di Palermo celebra con gioia la sua storia e festeggia i duecento quarant'anni dalla fondazione dell’Accademia dell’Uomo Ignudo. La partnership in occasione della quattordicesima edizione di NEXT” afferma il professore Fulvio Di Piazza “si colloca tra gli eventi di questo anniversario volgendo lo sguardo al di là dei confini geografici, per il superamento di ogni steccato, con il desiderio di apertura e inclusione.” Questa la visione di Francisco Bosoletti: “Grande è il fascino esercitato dall’intera vicenda del quadro della Natività di Caravaggio, a partire dalla sua composizione fino alla ferita ancora aperta nella memoria e negli intrecci della storia più recente. Il mio intervento vuole essere uno studio del linguaggio figurativo della pittura di Caravaggio, una rilettura delle forme e della composizione di un soggetto sacro profondamente radicato anche nell'immaginario collettivo del nostro paese, in cui la religione è stata durevole ispiratrice dei temi rappresentati ma anche vincolo spesso sovvertito. Al di là della tematica e della interpretazione personale, il dipinto intende testimoniare la potenza di un linguaggio compositivo immediatamente comprensibile, penetrante e manifesto, eppure aperto a molteplici interpretazioni.”

 

 

 

Print
Commenti

Theme picker


Ultime notizie

«febbraio 2024»
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829123
45678910

Archivio

Seguici su YouTube

Seguici su Facebook