I pupi ballerini di Rossomanno

Una riserva naturale che offre ai suoi visitatori storia, archeologia, ... e molto altro ancora

La Riserva Naturale Orientata di Rossomanno Grottascura e Bellia insiste nei comuni di Enna, Piazza Armerina e Aidone; vi si arriva dall'autostrada A19 Catania-Palermo uscendo a Enna e proseguendo per la S.S. 561 per Pergusa e, superato il lago, si segue la statale 117-bis. Da qui si prosegue per Piazza Armerina, quindi si segue l'apposita segnaletica.

La Riserva Naturale Orientata Rossomanno-Grottascura-Bellia viene istituita nel 2000 con la finalità di conservazione e tutela di un antico rimboschimento di conifere e ricade nella parte meridionale della provincia di Enna; la morfologia della zona è caratterizzata da estese pianure alternate a tratti in pendio.

Questa riserva è senza dubbio la più atipica per la presenza predominante di specie arboree alloctone e per le poche specie animali che vivono nei suoi boschi. La riserva, in effetti, è stata costituita per proteggere un ambiente naturale in cui l'uomo ha avuto una parte rilevante, attraverso la realizzazione di estesi rimboschimenti di pini mediterranei ed eucalipti. La maggior parte dell'area è infatti, ricoperta da latifoglie e conifere, la latifoglia più abbondante è rappresentata dall'Eucalipto, mentre le conifere sono costituite prevalentemente da Pino domestico e Pino d'Aleppo.

Da un punto di vista più strettamente paesaggistico il territorio è caratterizzato da altipiani calcarenitici, con alture che si attestano poco sotto i 900 m s.l.m. Le caratteristiche rocce arenarie di questo territorio conferiscono all'ambiente una sua spettacolarità, generata dalla facile erosione esercitata dagli agenti atmosferici, come ad esempio alcune sculture in pietra dalle morfologie fantastiche come il gruppo dei “Pupi ballerini” e delle “Pietre incantate” (alte fino a tre metri), vicino all'area Ronza, una sorta di cerchio magico che la fantasia popolare ha voluto attribuire a un sortilegio che pietrificò una danza sabbatica ma che in realtà sono il frutto della geologia del luogo. Esse sono disposte come dei “menhir”, al punto tale da aver fatto pensare ad un allineamento dolmenico di origine preistorica.

La riserva è facilmente percorribile sia a piedi che in mountain bike e diverse sono le strade aperte al passaggio dei veicoli motorizzati.

L'area di riserva è stata abitata in epoca remota. Qui sorse, sin dall'età del rame, un centro abitato distrutto nel 1394 quando, il paese di Rossomanno, fu raso al suolo dalle truppe regie (l'esercito del re Martino IV attaccò i feudi dei ribelli), per punire il signore locale e la popolazione fu deportata a Enna. È il periodo del tormentato XIV secolo siciliano caratterizzato dalle lotte tra i sovrani aragonesi e i feudatari isolani capeggiati dai Chiaramonte. Dell'antico paese oggi rimangono alcune tracce: l'acropoli del centro di Serra Casazze, con un lungo muro di torrette di difesa, case, magazzini, la base della torre feudale degli Uberti, signori di Rossomanno, originari della Toscana, una chiesetta e , infine, un convento eretto sui resti del paese distrutto e utilizzato come eremo fino a pochi decenni fa.

Possiamo dire che essa è una sorta di parco archeologico immerso nel verde di un vasto bosco.

Da non perdere nella visita il vivaio della forestale di Ronza (chiamato anche Parco Ronza), lungo la S.S. 117 (Enna-Piazza Armerina), dove l'azienda ha creato una delle maggiori aree attrezzate della Sicilia, capace di ospitare centinaia di visitatori, con panche, tavolini, sedili, fontane, voliere e aree recintate dove  possono vedersi, per la gioia dei bambini, daini, istrici, capre, cinghiali. 

Un vivaio per la produzione di piantine forestali da rimboschimento,ospita una biblioteca ambientale, fornita anche di un erbario e ospita la sede di un centro di recupero della fauna selvatica, gestito dalla LIPU (Lega Italiana per la Protezione degli Uccelli) di Enna, unico nella provincia.


Galleria fotografica di G.M. Amato

More links

Print
Commenti

Categorie: Enna, TurismoNumero di visite: 11487

Tags: Enna Piazza Armerina Aidone Riserve Naturali Orientate

Theme picker