it-ITfr-FRde-DEen-USes-ES

Con i “Festini” di Aidone al ritmo dello scotz il Carnevale più lungo

Durante i “festini” al grido di “Gghj' n'è f'stingh?” (c'è una festa?) è permesso alle maschere di entrare per fare due balli a scelta

Ad Aidone, un paese molto attaccato alle sue tradizioni, si organizzano i “festini” carnevaleschi, una delle principali attrazioni del carnevale aidonese. Sono dei veglioni o feste da ballo private a cui sono ammessi ad entrare persone non invitate vestite in maschera. Secondo la tradizione i “festini” risalgono al 1300, quando i contadini, per riuscire ad entrare nelle casse dei “padroni”, trasfigurando la loro immagine creavano una situazione di ilarità. Entrando al grido di “Gghj' n'è f'stingh?” (c'è una festa?) è permesso loro di fare due balli a scelta. Ai “festini” sono graditi anche persone dei paesi viciniori che partecipano volentieri sapendo di trovare una calorosa accoglienza. In genere si sceglie di ballare uno scotz, un ballo tipico del carnevale aidonese che si può ballare a coppie o a gruppi. La consuetudine prevede che ci sia un “capo maschera” che chiede al “padrone” due balli e alla fine prima di andare via si toglie la maschera per farsi riconoscere ed avere in premio un bicchiere di liquore. Ad Aidone si comincia a ballare a Capodanno e si balla tutti i sabati fino al martedì grasso e al sabato dopo le Ceneri per poi concludersi con il Carnevalone, la domenica, con i festeggiamenti in campagna. La maschera tipica è “u c'ddazz” (l'uccellaccio) la cui caratteristica è di essere irriconoscibile sia nella voce che nell'aspetto. I ballerini si esibiscono al ritmo scatenato dello scotz, un ballo simile alla polka. Questo antico ballo figurato si mantiene con i passi di sempre, si può ballare a coppie singole o di gruppo dove tutti, bambini, ragazzi, adulti e anziani, con un divertente gioco di scambio di coppie, salti e giravolte, si divertono come matti a ballare al ritmo dello scotz.
Un altro evento organizzato negli anni è il carnevale dei bambini, che coinvolge tutte le scuole e tutti i bambini. Le maschere più originali scelti da un'apposita giuria ricevono un premio.
Commenti



Benvenuti sulla pagina Infopoint Turismo, sito ufficiale d'informazione e promozione turistica della Provincia di Enna, cuore della Sicilia, terra di mezzo, dai panorami vasti e mozzafiato. Luogo prediletto dagli dei, la cui storia si perde nel tempo, il cui fascino ammalia chiunque vi si soffermi anche per un instante.


L'ufficio Infopoint Turismo, sito in via Roma, 413, nel centro storico della città di Enna, offre informazioni gratuite all'utenza, anche in lingua straniera, verbalmente, in forma cartacea, via e-mail, social network e pagina web, riguardo luoghi di interesse storico, artistico, musei, trasporti, alloggi e luoghi di ristoro e qualsiasi altra informazione che possa rendere gradevole il vostro soggiorno qui da noi.


L'Infopoint promuove via internet le iniziative, gli happening e i vari appuntamenti per la valorizzazione del territorio, dando la massima diffusione possibile a sagre, fiere, mercati, mercatini, manifestazioni ed eventi sportivi o riguardanti il tempo libero, mostre, concerti, manifestazioni teatrali.

Per qualsiasi informazione contattateci al seguente indirizzo di posta elettronica:
infopoint@provincia.enna.it 


Orari di apertura: Lunedì – Venerdì dalle 09,00 alle 13,00
Lunedì dalle 15,00 alle 17,30

Lieti di accogliervi lo staff dell'Infopoint (Filippina Flores,  Anna Maria Murgano, Emilia Rosso, Donatella Saladino) vi augura un buon soggiorno!