it-ITfr-FRde-DEen-USes-ES

Una giovane eccellenza ennese nel campo dell’ematologia

Si può studiare in Sicilia e diventare qualcuno, sfatando il detto o meglio la convinzione che " cu nesci arrinesci". Così è stato per la giovane valguarnerese, Giuseppina Camiolo ricercatrice in Scienze Biomediche dell'università di Catania che ha ottenuto un ambito riconoscimento nel campo dell'ematologia. Assieme ad un'altra sua collega, anch'essa siciliana, è stata premiata in un corso di dottorato internazionale del dipartimento di Scienze Biomediche e Biotecnologie riservato agli  "under 40", in " Hematology 2019, giovani ematologi a confronto". Il contest era riservato a ricercatori clinici di età inferiore ai 40 anni impegnati nella ricerca in ambito ematologico ed è stato promosso dalla casa editrice scientifica Mattioli Health con il patrocinio dalla società italiana di ematologia e della società italiana di ematologia sperimentale. Una giovane eccellenza che vuole spendere la propria professionalità in Sicilia dove già frequenta il dottorato in Basic and Applied Biomedical Sciences nell'ateneo catanese. Ha già lavorato nell' equipe del professore Di Raimondo occupandosi dello studio dei meccanismi di chemioresistenza nei tumori ematologici, in particolare nel mieloma multiplo. La sanità siciliana punta sulle nostre eccellenze per garantire negli ospedali siciliani prestazioni di diagnosi e cura all' avanguardia. 

 
Commenti