masal oku
it-ITfr-FRde-DEen-USes-ES

Cento candeline per la nonna Maria Fretto

Come arrivare a cento anni e non dimostrarli.

La provincia di Enna si conferma  terra di centenari. Con in testa l'uomo più vecchio del mondo, Arturo Licata che fra qualche mese potrebbe raggiunge il traguardo di 112 anni, oggi anche la signora Maria Fretto La Torre, entra a pieno titolo tra i più longevi del mondo. 

Cento candeline per lei e una grande festa nella sua bella casa nel centro storico di Pietraperzia. 

Coccolata, dalla sua bella famiglia, la figlia Agata, il genero Armando, i nipoti Fabrizio e Sabrina, e il pronipote Alessio, Maria ha accolto autorità cittadine, parenti e amici accorsi da ogni dove.  

 Chi, come me, conosce la signora Maria, sa benissimo qual'è è il suo elisir di lunga vita. 

Maria ha vissuto pienamente con qualità, con curiosità, con cura e con passione. La musica, il ballo, i bellissimi ricami al chiacchierino, i viaggi, la buona cucina e la fede sono state il sale della sua vita.  

Maria è una donna curatissima, la ricordo fino a poco tempo fa calzare i suoi immancabili tacchi a spillo. 

" Non merito tutto questo- ha ripetuto commossa Maria- " 

Ma chi la conosce sa bene che la presenza di tante persone a festeggiarla è la testimonianza della qualità delle sue relazioni con gli altri.

Sarà adesso il nipote Fabrizio a raccontare la sua bellissima vita..  


"Maria, nasce a Pietraperzia il 27 Dicembre del 1913, da Michele Fretto e Maria Di Calogero,

da bambina vede ritornare il padre dalla guerra ma non lo riconosce perché nel 15-18 quando Michele parte Maria è ancora bambina.

L’infanzia di Maria la trascorre in via San Giuseppe nella casa di proprietà, in tanti momenti piacevoli di vita domestica, impara a ricamare realizzando manufatti di grande valore, tra cui anche dipinti su stoffe.

Nel ‘43 vede il padre ripartire per la seconda guerra mondiale e Maria trascorre momenti di tensione e desolazione pensando al padre in guerra, infatti perde uno zio, Rocco Fretto, mai più tornato a casa.

Al ritorno del padre la vita si normalizza e Michele Fretto torna al suo lavoro come amministratore del Barone locale. Maria, impara a suonare il piano, regalatole dal padre e continua a trascorrere una vita tranquilla. Tanti i ricordi della vita di Pietraperzia, il teatro i fatti locali e le sue passioni, la musica, la pittura e il ricamo di cui rimangono testimonianze i centrini e i filé incorniciati esposti in casa.


I ricordi di una vita passata da quando a Pietraperzia esistevano lavori ormai scomparsi come: I quartari, le lavandaie e la vita di campagna, oggi i suoi occhi vedono le abitudini stravolte dalla tecnologia moderna, tra cui il televisore con “i suoi pupi”, così li definisce.

Cuoca esperta conosce sia i tempi quando la pasta ed il pane si preparavano a casa e quando la cucina era ancora a legna. In cucina diventa bravissima con frullatori e macchine nuove. Grande viaggiatrice con il marito in settembre ogni anno partiva per L’Italia, Montecatini, Roma e Udine dove andava a trovare i parenti.

Tra i suoi ricordi più narrati quando a Pietraperzia il teatro era sempre pieno e venivano le compagnie di Rivista: Angelo Musco e Rosina Anselmi. Al teatro durante le feste di natale organizzavano sempre serate da ballo, prima con l’orchestra e poi con l’avvento del megafono con i dischi in vinile. Tante le canzoni che ricorda e che ancora canticchia: “ Parlami d’amore Mariù” che a mezzanotte gli spasimati le cantavano sotto la finestra durante le serenate e le strofe della Parrina Cuncè sorella del nonno “Luna nova allo buono punto, fatta in grazia di Dì, du lucenti du pungenti ammara la vucca alla malagenti, chisse che aiu su picca e niente falli diventare d’oro e d’ argenti” (1800)

La Maria religiosa praticante ringrazia a Dio ed i suoi parenti per averle dato il conforto e la forza di arrivare ad I secolo di vita ed ancora !!!! Auguri a tutti di un futuro ricco di incontri e bune feste".

 
Commenti

Categorie: Costume e SocietàNumero di visite: 2506

Tags: CentenariArturo LicataMaria Fretto La Torre


Ultime notizie

Archivio

Seguici su YouTube

Seguici su Facebook

Seguici su Google+