masal oku
it-ITfr-FRde-DEen-USes-ES

Zagaria in campo per la sostenibilità del settore olivicolo

Contro la globalizzazione e le emergenze fitosanitarie la ricerca e la rete tra i campi di germoplasma

Oggi più che mai l'importanza della tutela e della valorizzazione del patrimonio varietale olivicolo per lo sviluppo sostenibile della filiera siciliana diventa non solo strategica ma vitale per un settore che subisce gli effetti negativi della globalizzazione.
Le politiche per lo sviluppo, poco attente alla sostenibilità, sono la principale causa delle crescenti catastrofi ambientali e degli effetti devastanti conseguenti agli squilibri economici e sociali.
I mutamenti climatici, poi, causati dall'inquinamento, la crescita a dismisura delle aree metropolitane, lo sviluppo di modelli produttivi agricoli intensivi e la riduzione dell'agrobiodiversità sono esempi evidenti delle conseguenze di uno sviluppo economico che non rispetta la sostenibilità ambientale e i diritti universali dei più deboli.
Le gravi emergenze fitosanitarie che minacciano la sopravvivenza delle piante arboree ed erbacee e, con esse, la produzione di alimenti,i quali risultano essere sempre meno salubri avvalorano sempre più la necessità di rivalutare sistemi di sviluppo sostenibili per l'ambiente e l'agrobiodiversità.
Un argine a tutto ciò può essere rappresentato dalla sostenibilità e dalla ricerca, soprattutto nel settore olivicolo, un comparto produttivo agricolo di riferimento nel bacino del mediterraneo sotto l'aspetto economico, alimentare, ambientale, paesaggistico e culturale.
Per recuperare competitivitá e assicurare quantitativi di olio extravergine di oliva italiano e siciliano sufficienti anche a soddisfare il consumo nazionale occorre puntare sull'innovazione, coinvolgendo i giovani e favorendo lo sviluppo di rapporti di collaborazione attiva tra soggetti pubblici e privati e la messa in rete scientifica dei campi di raccolta e conservazione della varietà di olivo presenti nel territorio nazionale.

La presenza in Sicilia dei due campi collezione per la tutela e conservazione del germoplasma olivicolo regionale ed internazionale, Zagaria e Carboi rappresentano laboratori a cielo aperto strategici per lo sviluppo di attività sempre più indispensabili per lo sviluppo sostenibile del comparto olivicolo. Un' occasione, inoltre, per la formazione e la specializzazione degli studenti e degli operatori della filiera olivicola.

La ex Provincia di Enna ha intrapreso negli anni la collaborazione con istituti di ricerca, università, enti, associazioni di produttori, scuole, mettendo a frutto una serie di attività che hanno contribuito alla realizzazione del campo di Zagaria ,oggi riconosciuto dal mondo scientifico e dalle associazioni culturali, quale esempio su scala internazionale per la raccolta e conservazione della biodiversità olivicola. Il futuro e lo sviluppo delle attività culturali, scientifiche ed economiche del campo, rischiano di essere compromesse dalle oggettive difficoltà economiche dell'Ente.

Un patrimonio che non può essere, comunque, disperso e sul quale occorre puntare coinvolgendo soggetti pubblici e privati.

 
Commenti

Categorie: Banca del GermoplasmaNumero di visite: 1218

Tags: campo di germoplasma di pergusa

Dove siamo

Richiesta autorizzazione visita Campo del Germoplasma

Scarica richiesta

I settore "Affari Generali, Risorse Umane, Attività Socio-Economiche e Culturali" 

Dirigente:  Dott.ssa Lucia Antonia Buscemi
Telefono:  0935 521215 


Servizio " Agricoltura e Sviluppo Rurale- Gestione Campo del Germoplasma di Olivo" 

Resp.:  Dott. Andrea Scoto
Indirizzo:  Piazza Garibaldi 1
Telefono:  0935 521279
 Email: 
 agricoltura@provincia.enna.it
Referenti
per info:
 
 Alfia Piera Granieri
 Tel: 0935 521355
 Anna Maria Mangano
 Tel: 0935 521276